domenica 28 dicembre 2014

Walt Disney voleva realizzare il parco perfetto: il MAGIC KINGDOM

"Spero solo che non ci dimenticheremo mai una cosa: tutto è cominciato con un topo."
(Walter Elias Disney)

Bay Lake, 07 settembre 2014. La prima volta che sono andata al cinema era l'inverno tra il 1987 e il 1988 e in primavera avrei compiuto 4 anni. Il film che venne proiettato quel giorno era Biancaneve e i Sette Nani e quello fu il primo lungometraggio della Disney che vidi. Non passò molto tempo che in casa arrivò il video registratore e con lui anche le prime video cassette che diventarono uno dei regali più gettonati dalla Befana.
Più o meno nello stesso periodo ho fatto la mia prima gita a Gardaland ed è stata così bella da farmi innamorare dei parchi a tema e di tutte le attrazioni da luna park, delle quali sono diventata nel corso degli anni quasi un'esperta. Nel 1998 ho varcato per la prima volta la soglia di un parco Disney (il Disneyaland Park nei pressi Parigi), ma in cuor mio ho sempre pensato che il Walt Disney World Resort fosse il parco dei parchi, forse perché è si trova in America e l'America è nell'immaginario comune la terra dei sogni, delle grandi occasioni, dove tutto è sempre più spettacolare...

Oggi è il 7 settembre 2014 e io, a trent'anni suonati sto realizzando un sogno di quand'ero una bambina... ma allora è vero quello che diceva la fata Smemorina di Cenerentola che se "sogni e speri fermamente... il sogno realtà diverrà...".

martedì 23 dicembre 2014

Aspettando la notte di Natale: il PRESEPE VIVENTE di Roccavignale

La grotta dell'Avvento.
Roccavignale, 22 dicembre 1982. Il Natale è alle porte e in un piccolo borgo nell'entroterra ligure al confine tra Liguria e Piemonte alcune persone si stanno vestendo con abiti confezionati da loro stessi e copiati da quelli delle statuine del Presepe. C'è chi fa un buco a un sacco che il padre usa alla fine di agosto per raccogliere le patate e lo indossa per assomigliare a una schiava palestinese e chi mette quel vecchio gilet di lana di pecora che gira da anni per gli armadi di casa e che sembra quello di un pastore, intanto una mamma aiuta la giovane figlioletta a fermare tra i capelli un velo di spessa stoffa celeste, mentre un'altra mamma poco più giovane, cerca di nascondere con una coperta bianca quel tutone invernale che a sua volta copre una tutina di ciniglia e che sta indossando il suo bimbo di poco più di sei mesi per ripararsi dal freddo e che ancora non sa che sta per ricoprire il ruolo del protagonista della serata.
...
Roccavignale, 22 dicembre 2014. Sono passati trentadue anni e quella mamma che aiutava la giovane figlia a vestirsi oggi ha i capelli bianchi e molte rughe stanno lì a ricordarle quanti sono i Natali che ha già trascorso, alcuni sereni e altri meno... alcuni proprio brutti, da dimenticare! Quel velo di stoffa celeste che è stato al centro di molti sguardi in una fredda sera di molti anni prima, dopo essere diventato uno straccio per togliere la polvere è finito in uno dei tanti e incancolabili sacchetti della spazzatura che un giorno dopo l'altro, la mamma diventata nonna, ha sistematicamente buttato in quello stesso bidone a pochi passi da casa.
Nel frattempo poco distante una ragazza è appena tornata a casa dopo un pomeriggio passato dal parrucchiere: quella sera tutti gli occhi saranno puntati su di lei. Con lo sguardo fisso sullo specchio si mette in testa il cappuccio di quel mantello celeste che le avvolge il corpo e poi corre in in sala: "Mamma come mi sta?" la donna si volta a guardare la figlia e in un nano secondo la sua mente ritorna a quella fredda sera di molti anni prima e ripensa a sua madre che con una miriade di forcine cercava di fissarle quel pezzo di stoffa azzurro che proprio non voleva stare al suo posto e che oggi non esiste più e nello stomaco tornano quelle stesse farfalle, la stessa eccitazione che provò quando era in procinto di interpretare per la prima volta la Madonna del Presepe Vivente di Roccavignale.


venerdì 19 dicembre 2014

Il secondo parco divertimenti più grande del pianeta: l'ANIMAL KINGDOM

The Tree of Life, simbolo del parco.
Bay Lake, 07 settembre 2014. E' il secondo parco divertimenti più grande del mondo.
E' il più grande parco Disney costruito fin ora.
E' è l'unico parco Disney sulla terra ad avere questo tema.
...Impossibile per me non visitarlo...

lunedì 15 dicembre 2014

Oggi come allora... un giro sui TRAM STORICI a Torino

"Sembra che l'unico modo per far arrivare un tram sia accendersi una sigaretta."
(Osservazione alla Legge di Poisson)

Torino, 07 dicembre 2014. Conoscete quella lieve eccitazione che si prova quando ci si appresta a fare un giro su qualche mezzo che non fa parte del nostro quotidiano?
E' un po' il meccanismo che fa funzionare le carrozze trainate dai cavalli nelle città invase dai turisti (alle quali io sono fermamente contraria) o i classici trenini che sembrano usciti da un parco giochi tipici delle piccole località balneari; capita anche quando un luogo ha dei mezzi di trasporto caratteristici che sono diversi dai soliti (a questo proposito mi vengono in mente i cable car di San Francisco) oppure quando c'è qualche particolare festa di paese e spuntano le famose navette gratuite che portano i visitatori a destinazione evitandogli lo sbattimento di cercare un parcheggio... Si sale con una certa titubanza, ci si siede e ci si lascia trasportare dall'autista verso mete più o meno conosciute, sussultando a ogni strano rumore o variazione della velocità e lanciando sguardi complici al nostro compagno di avventura che stanno a significare "sarà poi sicuro questo aggeggio che mi hai fatto prendere?".
Poi una volta scesi sicuramente ci sarà chi criticherà il mezzo, chi l'autista, chi il tragitto, chi sosterrà di aver patito il viaggio e chi ne sarà così entusiasta da voler rifare assolutamente un giro, chi scatterà la classica foto ricordo, chi delle foto a caso e chi se ne starà in silenzio a guarda dal finestrino pensando ai fatti suoi, perché quel rumore, quell'odore, quella sensazione ha evocato ricordi che forse non sapeva nemmeno più di avere.


domenica 14 dicembre 2014

La strana storia di un parco, la storia di EPCOT

La famosa sfera geodetica all'interno della quale c'è l'attrazione Sapceship Earth.
"Per tutti colore che vengono in questo luogo di gioia, di speranza, di impresa e concetti di un futuro che promette nuovi ed entusiasmanti vantaggi per tutti. Che EPCOT possa intrattenere, informare, ispirare e soprattutto possa infondere un nuovo senso di fede e di orgoglio nella capacità dell'uomo di plasmare un mondo che offre speranza alle persone di tutto il mondo"
(E. Cardon Walker dirigente della Walt Disney Production dagli anni '60 agli anni '80. 24 ottobre 1982)

Bay Lake, 06 settembre 2014. "Non è una pallina da golf, è una sfera geodetica."
"Una sfera geo-cosa???"
"Una sfera geodetica... è una cupola dove i travi hanno una particolare forma che intersecandosi creano triangoli tutti uguali e la sua caratteristica è che più aumenta di volume, più diventa resistente..."
"Sarà, ma a me sembra tanto una pallina da golf..."

venerdì 12 dicembre 2014

Sulle tracce dei Savoia: il PALAZZO REALE di Torino


Torino, 7 dicembre 2014. ... Qualche giorno prima mentre navigavo in internet... .
Dialogo nella mia mente: [Wow! Domenica torna l'iniziativa #DomenicalMuseo!? Evvai che si va a Torino! Speriamo solo che Marco ne abbia voglia...].
Pochi secondi dopo, con lo schermo del PC ancora acceso prendo in mano il cellulare e vado sui messaggi. [Ecco qui, messaggi, scrivi, nuovo messaggio, A: ...M, A, R... eccolo qui MARCO, digita il testo: "amore, hai da fare domenica?", ok, scritto, invia ...  messaggio inviato]...

venerdì 5 dicembre 2014

Sulle tracce di Apollo: KENNEDY SPACE CENTER

"That's one small step for a man, but a giant leap for mankid"
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un balzo da gigante per l'umanità".

(Neil Armostrong mentre poggiava per la prima volta il suo piede sulla superficie lunare)

Cape Canaveral, 06 settembre 2014. Ero poco più di una bambina e poco meno di un'adolescente quando la battuta tormentone del momento era: "Houston abbiamo un problema" oppure "Il fallimento non è contemplato". Il film era Apollo 13 e le sue frasi più famose venivano usate dai miei amici e coetanei in ogni minima frase o azione della vita quotidiana e ricordo che noi, piccole ragazze dall'animo femminista che avevamo accantonato da poco le Barbie per lasciar spazio ai primi trucchi leggeri come un soffio rosa, rispondevamo disgustate "A noi non piacciono i film di fantascienza... sono tutta finzione"; noi non sapevamo e non ci interessava sapere che quel film che aveva riscosso così tanto successo tra i nostri amici e nel mondo era basato su una storia realmente accaduta quando i miei genitori avevano all'incirca la stessa età che avevo io in quel periodo. In quei giorni di ribellione verso il sesso maschile mai e poi mai avrei pensato che molti anni dopo dopo sarei arrivata a pagare per rivivere in prima persona la Missione Apollo e osservare ogni secondo di quella simulazione così realistica a bocca aperta, con gli occhi lucidi di emozione e con una frase che mi rimbombava nel cervello "se quei miei amici là potessero vedermi...".

domenica 30 novembre 2014

Fuga su...ALCATRAZ

"Da quando sono il direttore, pochi detenuti hanno cercato di scappare. La maggior parte di loro sono stati catturati; gli altri sono stati uccisi o sono affogati nella baia. Nessuno è mai evaso da Alcatraz. E nessuno lo farà"

(Fuga da Alcatraz film del 1979)

San Francisco, 04 settembre 2014. Non so perché ma io ad Alcatraz ci volevo e ci dovevo andare: questa era una delle tappe fisse intorno alle quali organizzare il nostro viaggio. Chissà cosa mi ha spinto a voler entrare a tutti i costi in questo carcere in mezzo all'Oceano; a malapena mi ricordo film come Fuga da Alcatraz o The Rock, eppure è stato qualcosa più forte di me e adesso sono qui, con un biglietto in mano in attesa di salire sul traghetto che mi porterà su quest'isola così vicina da riuscire a distinguerne bene tutti gli edifici, eppure così distante dal cuore della città.
Sento sul viso la fresca aria di San Francisco che mi porta alle narici l'odore inconfondibile delle onde che si infrangono contro una banchina di cemento, in lontananza i gabbiani chiacchierano tra loro... ma chissà cos'avranno mai da dirsi da rendere le loro grida così concitate...!? Mio marito mi parla, ma lo sento come se fosse lontano perché la mia testa è già dentro al penitenziario più famoso del mondo, proprio quello che riesco a scorgere tra la testa di un passante e un altro. Mi scrolla di nuovo: "Mi senti!? Hanno aperto i cancelli, possiamo imbarcarci..."
....

martedì 25 novembre 2014

SAN FRANCISCO 10 cose da fare tra tante

"L'inverno più freddo che ricordi è un'estate a San Francisco"
(frase attribuita a Mark Twain anche se non compare in nessuno scritto)

San Francisco, 04 settembre 2014. Se (come molti) vi troverete a fare un tour del West America che parte da Los Angeles e sale fino a San Francisco vi renderete conto della verità che si racchiude in questa frase: solo 48 ore prima eravamo nel deserto che circonda Las Vegas, immersi nei 47° della Valle della Morte, ma neanche due giorni dopo a pochi chilometri di distanza, a poche ore di distanza non siamo riusciti a stare qualche minuto in maniche corte.

giovedì 13 novembre 2014

Uno dei tanti volti di Yosemite: il MARIPOSA GROVE

" - Quanti anni avranno?
  - Diciamo duemila, forse di più.
  - La più vecchia cosa vivente.
  - Sì [...] a cosa pensa?
  - A tutte le persone che sono nate e morte mentre questi alberi hanno continuato a vivere."

(Dal film La Donna che Visse Due Volte - 1958)

Parco Nazionale di Yosemite, 03 settembre 2014. Quando ci hanno detto che avremo visitato un luogo con alberi di oltre 3.000 anni ho pensato più o meno la stessa riportata nella citazione sopra. Nella mente mi sono creata immagini di questi alberi ancora di dimensioni normali con a fianco una sfilata di personaggi vestiti con indosso i tipici abiti che siamo soliti vedere nei libri di storia e nei film d'epoca. Chissà quello che hanno visto; guerre, carestie, ribellioni, attimi di pace. Chissà quanti strani animaletti si sono nascosti dietro (o sopra) i loro tronchi e anche quante persone... chissà da cosa scappavano. Avranno visto dei baci, delle liti, chissà quali confessioni ...!?
Che bello se potessero parlare e raccontarci la loro di storia.

martedì 11 novembre 2014

100 anni di moto: EICMA 2014

"100 anni di passione"
(slogan EICMA 2014)

Rho, 08 novembre 2014. 100 anni di passione, 100 anni di novità che nel corso del tempo sono passate nel reparto "pezzi d'epoca", 100 anni di astri nascenti purtroppo dimenticati nel giro di una stagione, campioni del mondo di oggi e di ieri e campioni nel cuore dei tifosi, 100 anni di prove, 100 anni di cambiamenti, 100 anni di storia, questa storia, quella delle due ruote.

venerdì 7 novembre 2014

Una ghost town poco ghost e tanto town: CALICO


Calico, 02 settembre 2014. Non avevamo mai visto una città fantasma. Me la immaginavo tetra, con belle case di legno scolorito, piene di ragnatele alle finestre e qualche tenda strappata dal tempo. Cortili dove l'erba aveva preso il sopravvento già da qualche stagione. Un dondolo mosso dal vento che emana un cigolio inquietante che suona come una richiesta d'aiuto. Le strade invase da detriti naturali e le vetrine di una vecchia bottega alimentare che ancora portava su una lavagnetta dietro alla porta con su scritta l'offerta del giorno...
Calico non aveva niente a che vedere con la mia fantasia e devo dire che in un certo ne sono stata delusa... adesso ve la racconto questa famosa città fantasma...

mercoledì 5 novembre 2014

Il fascino del nulla: la VALLE della MORTE


Parco Nazionale della Valle della Morte, 01 settembre 2014. 
"Ciao!!! Sei tornata!!!!!"
"Sì, domenica mattina..."
"E allora dai racconta... com è andata!?"
"Bello, bellissimo... peccato che è durato poco... siamo stati a Yellowstone, nel Grand Canyon, a San Francisco, nella Valle della Morte..."
"La Valle della Morte...!? E cosa c'è da vedere lì?"
"Niente!!! Ma è bellissima."
Questo a grossomodo è un dialogo avvenuto tra me e una mia amica che era appena tornata da un viaggio negli Stati Uniti. Sono state queste parole a farmi desiderare di visitare un giorno la Valle della Morte e quasi quattro anni dopo queste parole, finalmente posso raccontarvi la mia Valle della Morte...

venerdì 31 ottobre 2014

A LAS VEGAS puoi fare tutto ciò che vuoi; ecco quello che abbiamo fatto noi!

"Sai, la cosa migliore di Las Vegas è che lì puoi diventare quello che vuoi"
dal film 21

Las Vegas, 31 agosto 2014. Questa frase presa dal film 21 del 2008 riassume in poche parole l'impressione che mi ha dato questa città. Qui si può davvero incontrare chiunque: dall'uomo di bell'aspetto in giacca e cravatta, alla ragazza elegante che cammina scalza per strada, a persone che passeggiano per la Strip con casse piene di birra o alcolici, giovani che corrono in costume e anziani sulle sedie a rotelle elettriche aggirarsi da un casinò all'altro col loro bicchierone colmo di chissà quale delizioso cocktail rigorosamente alcolico...

domenica 26 ottobre 2014

Il canyon che non ti aspetti: BRYCE CANYON


Parco Nazionale del Bryce Canyon, 30 agosto 2014. La prima impressione che mi ha dato il Bryce Canyon è stata quella di un gigantesco portamatite con tanti pastelli arancioni, rossi e giallini girati con la punta in su... Si lo so ho una fantasia molto accesa, però questo luogo mi ha stupito molto più che il Grand Canyon e la Monument Valley, forse perchè è meno noto o forse perchè mi piace essere il Bastian Contrario della situazione... Però è il Bryce Canyon è bello davvero, credetemi!

giovedì 23 ottobre 2014

Un gigantesco ferro di cavallo... l'HORSESHOE BEND


Page, 30 agosto 2014. "Ragazzi domani vi va di vedere il Fiume Colorado da molto vicino? Bisogna camminare un pochino, però vi assicuro che ne vale veramente la pena... E' come vedere in terra un gigantesco ferro di cavallo..."
"Va bene andiamoci... E come si chiama questo posto?"
"Ovviamente Horseshoe Bend!"

mercoledì 22 ottobre 2014

Rivivendo la Route 66: WILLIAMS



Williams, 29 agosto 2014. Williams ha una manciata in più di 3000 abitanti e una miriade di visitatori ogni giorno... Perchè? Perchè qui continua a vivere il mito della Route 66.

domenica 19 ottobre 2014

Uno dei laghi (artificiali) più grandi d'America: LAGO POWELL


Page, 30 agosto 2014. Sì è uno dei più grandi laghi artificiali d'America. Più precisamente arriva secondo in classifica dietro al vicino Lago Mead che si trova a circa 400 km di distanza nei pressi di Las Vegas, anche se ho letto che entro il 2021 quest'ultimo potrebbe essere completamente senz'acqua a causa della zona desertica nella quale è stata costruita.

mercoledì 15 ottobre 2014

Qualche ora coi Navajo: la MONUMENT VALLEY

"yá'át'ééh"

Monument Valley, 29 agosto 2014. In ogni luogo che si visita si impara sempre qualcosa. Io dalla Monument Valley ho imparato questa parola. Vuol dire "ciao" in lingua Navajo.



giovedì 9 ottobre 2014

Sopra al GRAND CANYON


Parco Nazionale del Grand Canyon, 28 agosto 2014. Ah il Grand Canyon... quando ti dicono "faccio un viaggio, vado a visitare i parchi Americani" in genere pensi a Yellowstone e al Grand Canyon. Tutti sanno cos'è ed è assolutamente vietato andare nel Sud Ovest degli Stati Uniti senza passarci anche solo poche ore. Ha la fama di essere un posto unico al mondo, meraviglioso... è davvero così? No, è di più. Le foto non rendono giustizia a questa gola scavata dal Fiume Colorado, meno ancora i racconti di chi ci è stato. L'unico modo per capire davvero quello che è il Grand Canyon è andarci di persona.

mercoledì 8 ottobre 2014

Tra forme e colori: SEDONA


Scorcio dell'Oak Creek da Sedona
Sedona, 28 agosto 2014. Non ero mai stata in America prima; visitare questo continente è un po' come vivere in un film perché sei dentro a quei luoghi che fin da quando sei nato vedi sul grande o piccolo schermo. In certe città la linea che separa la realtà dall'immaginazione è molto sottile; a volte riesce difficile capire se il posto nel quale stai passeggiando è realmente così oppure se quello che vedi è una finzione, una scenetta elaborata ad arte per i turisti. Sedona è una di queste.

lunedì 29 settembre 2014

La cittadella nella montagna: il CASTELLO di MONTEZUMA


Camp Verde, 28 agosto 2014. Montezuma: colui che diventa sovrano con rabbia. 
Ecco cosa significa il nome di questo imperatore Azteco vissuto tra la fine del 1400 e i primi anni del 1500 e dal quale nasce la denominzione di questa costruzione scavata nella roccia.

venerdì 26 settembre 2014

Un fantasma tra DOWNTOWN e HOLLYWOOD


Los Angeles 26 agosto 2014. Quando Elizabeth Ann Short venne ritrovata cadavere la Walk of Fame ancora non esisteva. Sarebbe stata progettata circa 3 anni dopo la sua morte e inaugurata nel 1960, a ben 13 anni di distanza da quella normale mattina di gennaio durante la quale la signora Betty Bersinger passeggiando in quella zona di Los Angeles non ancora edificata, con la figlioletta per mano, scorse tra le sterpaglie un manichino tranciato in due.... In realtà quello che le sembrò un rifiuto di qualche incivile era ciò che restava della giovane Beth Short, proprio lì in quel quartiere buio ancora da costruire, vicino ma così distante dai luccichii di Hollywood.

lunedì 22 settembre 2014

Alcuni buoni motivi per visitare gli UNIVERSAL STUDIOS

"The Entertainment Capital of L. A."
(slogan del parco)
  
Los Angeles, 26 agosto 2014. "Perchè andare agli Universal Studios?" Questa domanda ci siamo posti qualche mese fa quando abbiamo iniziato a organizzare il nostro viaggio di nozze.
Eravamo estremamente indecisi: Los Angeles è grande, il tempo poco e il dilemma principale era Universal Studios o Disneyland Resort? ... "Magari non torneremo mai più nella capitale del cinema mondiale e dobbiamo assolutamente vedere il meglio" ...