martedì 11 novembre 2014

100 anni di moto: EICMA 2014

"100 anni di passione"
(slogan EICMA 2014)

Rho, 08 novembre 2014. 100 anni di passione, 100 anni di novità che nel corso del tempo sono passate nel reparto "pezzi d'epoca", 100 anni di astri nascenti purtroppo dimenticati nel giro di una stagione, campioni del mondo di oggi e di ieri e campioni nel cuore dei tifosi, 100 anni di prove, 100 anni di cambiamenti, 100 anni di storia, questa storia, quella delle due ruote.

L'EICMA è la più grande fiera al mondo dedicata alle due ruote e si svolge qui, in Italia, a Milano.

Siamo nel 1914, la Prima guerra mondiale è alle porte e per la prima volta il capoluogo lombardo ospita una fiera interamente dedicata alle due ruote (motociclette e biciclette): il Salone del Ciclo e Motociclo.

Oltre 80 anni dopo, il 20 settembre 1997 io ero seduta sulla vecchia Tempra metalizzata con mio papà alla guida e il sole che poco a poco sorgeva lungo quel tratto dritto di autostrada, controllavo e rincontrollavo una scaletta dettagliata che mi ero preparata nel corso della settimana e che scandiva ogni mezz'ora della giornata che avremo affrontato: la mia prima giornata dentro al Salone del Ciclo e Motociclo. Da allora sono stati più gli anni che hanno siglato la mia presenza a questa manifestazione rispetto a quelli nei quali ho letto i resoconti dalle pagine dei giornali da casa, ma la voglia di andare è sempre la stessa; poche le volte sono tornata a casa delusa.

In quegli anni il Salone si svolgeva ad anni alterni, perchè dopo l'edizione del 1957, a causa della crisi del settore si decise di fare la fiera con cadenza biennale.

E' dal 2005 che gli appassionati non devono più aspettare 24 mesi per visitare il Salone, ma solo 12. Quell'anno la manifestazione si sposta anche da Fieramilanocity al nuovissimo Polo Espositivo di Rho-Pero.

IL MIO FOTO GIRO

Io all'EICMA ci vado per toccare con mano le moto che vedo in tv durante l'anno lottare per i vari campionati del mondo di motociclismo...

Io all'EICMA ci vado perchè mi piace vedere le "stravaganze" che s'inventano le case per attirare i visitatori nel proprio stand, per vedere le novità sul mercato (quando ci si riesce ad avvicinarsi senza essere stritolati dalla folla), per raccattare borse, adesivi e altri gadget di tutte le marche e poi conservarli come delle reliquie senza uno scopo preciso.

 Io all'EICMA ci vado per continuare la mia collezione degli autografi delle persone legate al mondo delle due ruote.

 Io all'EICMA ci vado per godermi qualche spettacolo di Freestyle gustandomi un panino.



Io all'EICMA ci vado perchè mi piacciono le moto, l'odore della benzina e delle gomme bruciate dall'asfalto. Io all'EICMA ci vado perchè mi piacciono le moto.


Nessun commento:

Posta un commento

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!