martedì 25 novembre 2014

SAN FRANCISCO 10 cose da fare tra tante

"L'inverno più freddo che ricordi è un'estate a San Francisco"
(frase attribuita a Mark Twain anche se non compare in nessuno scritto)

San Francisco, 04 settembre 2014. Se (come molti) vi troverete a fare un tour del West America che parte da Los Angeles e sale fino a San Francisco vi renderete conto della verità che si racchiude in questa frase: solo 48 ore prima eravamo nel deserto che circonda Las Vegas, immersi nei 47° della Valle della Morte, ma neanche due giorni dopo a pochi chilometri di distanza, a poche ore di distanza non siamo riusciti a stare qualche minuto in maniche corte.
Yerba Buena è il nome che i colonizzatori spagnoli diedero a questo lembo di terra dalla quale nasceva questo particolare tipo di pianta e che si trovava in un luogo vicino a La Misìon de Nuestro Padre San Francisco de Asìs (Missione del Nostro Padre San Francesco di Assisi), una comunità fondata dagli spagnoli alla fine del 1700. Oggi quei luoghi sono noti al mondo intero col nome di San Francisco, mentre Yerba Buena Island è una delle tre isole della città insieme alla famosissima Isola di Alcatraz e alla Tresure Island, un'isolotto artificiale.

La zona è soggetta a molti terremoti a causa della vicinanza con la Faglia di Sant'Andrea e il clima è molto diverso da quello che si trova nel resto della California o comunque delle zone vicine, infatti il periodo più caldo dell'anno è l'autunno; un ragazzo italiano che da vent'anni in queste zone ci ha raccontato che lui è solito fare jogging la mattina di Natale in maniche corte e pantaloncini.
Da giugno ad agosto invece la città è avvolta da una nebbia grigia (che in genere si alza intorno all'ora di pranzo) e la temperatura non supera mai i 20°.

San Francisco è una città bellissima, l'ho amata tantissimo e ho sentito poche persone dire "non mi è piaciuta"; molte sono le cose da fare ecco la mia personale top ten tra le cose che abbiamo fatto noi:

10) FARE un GIRO tra il FINANCIAL DISTRICT & NOB HILL.

 Si tratta di due quartieri molto vicini. Il Financial District è la downtown delle altre città americane ossia il centro finanziario, la zona che pullula di grattacieli. Gli amanti del cinema qui potranno riconoscersi in alcune scene del film La Ricerca della Felicità di Gabriele Muccino e interpretato dal Principe di Bel Hair Will Smith.
 L'edificio che nella foto in alto è sulla nostra destra è uno dei più importanti della zona: si tratta del 555 California Street ed è il grattacielo più grande della città e il secondo più alto; fino al 1998 è stato la sede mondiale della Bank of America (fondata da Amadeo Giannini, figlio di due emigranti genovesi), oggi il 30% di questo palazzo è di proprietà di Donald Trump.
L'edificio più alto di San Francisco si trova poco distante e nella foto in basso a sinistra è ripreso dal quartiere di North Beach del quale vi racconterò tra poco. Si chiama Transamerica Pyramid e, come si deduce dal nome, i suoi 260 metri d'altezza inizialmente vennero utilizzati dalla Transamerica, una società di assicurazioni.

 Nob Hill si trova a pochi passi dal Financial District ed è considerato il quartiere benestante della città. Qui ci sono due tra gli hotel più lussuosi e noti di San Francisco e sono l'Intercontinental Mark Hopkins San Francisco (nella foto a sinistra) e il Fairmont San Francisco (nella foto in basso a destra) comparso tra gli altri nel film The Rock e finito nella storia come sede all'interno della quale è stato firmato il 26 giugno 1945 il trattato delle Nazioni Unite.
In alto la Grace Cathedral ispirata alla Cattedrale di Notre Dame di Parigi e dentro la quale hanno girato alcune scene de L'Uomo Bicentenario.

9) FARE QUALCHE FOTO al PALACE of FINE ARTS.

L'idea che sia un luogo ideale per scattare delle foto carine non è solo mia, ma anche dei molti sposini di San Francisco che scelgono questo luogo come location per il loro album di nozze. Questa struttura che è definita teatro, venne costruita per la Panama-Pacific International Exposition, una fiera tenutasi in questa città nel corso del 1915 per celebrare la costruzione del canale di Panama e come accadde per altri edifici, come per esempio la Tour Eiffel o l'Atomium di Bruxelles, anche il Palazzo delle Belle Arti è sopravvissuto fino ai giorni nostri. Molte le scene cinematografiche girate qui, alcune delle quali appaiono in film come Vertigo (in italiano La Donna che Visse Due Volte) e The Rock.

8) PASSEGGIARE per CHINATOWN, NORTH BEACH &  RAGGIUNGERE la COIT TOWER.

Tra i quartieri del Financial District e Nob Hill si snoda la Chinatown di San Francisco che è la più grande comunità cinese al di fuori dell'Asia oltre che la più antica di tutti gli Stati Uniti d'America. Una tipica porta cinese delimita l'ingresso di questo quartiere che è un po' come entrare in un altro mondo, con cartelli, negozi e prodotti che poco hanno di americano.
Vicino a Chinatown sorge un'altra zona che sembra volersi discostare dalla cultura statunitense; questo quartiere si chiama North Beach e qui molte insegne vi sembreranno terribilmente familiari, infatti questa zona è anche nota come Little Italy. Questo rione si popolò dopo il terremoto del 1906 dagli immigrati italiani che potevano, grazie alla vicinanza dell'oceano, fare in questa cittadina californiana quello che già facevano nelle loro terre natali: pescare. A rendere famoso il quartiere fu poi un ragazzino il cui nome era Joe di Maggio e che da grande divenne uno dei più grandi giocatori di baseball della storia e che portò a vivere qui la sua la seconda moglie che si chiamava semplicemente Marilyn Monroe.

 Ed è proprio l'edificio che si vede in queste immagini che appare nell'album di nozze di questa coppia di sposi; a causa del precedente matrimonio Joe e Marilyn si dovettero sposare in comune, ma il legame dell'uomo con la Saints Peter and Paul Church (Chiesa dei Santi Pietro e Paolo) era così forte da sceglierlo come location per il servizio fotografico, nonostante egli avesse già promesso amore eterno in questa chiesa alla sua prima moglie.
Questo edificio compare anche in alcune scene di Sister Act 2 - Più Svitata che Mai.

Poco lontano si trova il quartiere di Telegraph Hill sulla cui punta, di fronte a una vista spettacolare, sorge la Coit Tower. Questa torre alta 64 metri e costruita alla fine degli anni '30 è un monumento in ricordo dei vigili del fuoco. La Coit Tower è visitabile, ma se vorrete spendere il vostro in altri modi, è comunque bello salire fino qui per godersi un bel panorama e ammirare la statua che la città di San Francisco ha voluto dedicare al nostro connazionale Cristroforo Colombo e che si trova proprio nel piazzale davanti all'ingresso.
Questo monumento appare in molti film, tra i quali ne Il Dottor Dolittle quando Jaich, la tigre che soffre di emicrania dedicedi di farla finita.

7) PASSEGGIARE per HAIGHT-ASHBURY & CASTRO, poi RAGGIUNGERE la CIMA delle TWIN PEAKS

Come per i precedenti, anche queste due zone sono belle se vissute a piedi: Castro è uno dei principali quartieri gay del mondo, mentre Haight-Ashbury è il famosissimo quartiere hippy, dove hanno vissuto anche Janis Joplin e Jimmy Hendrix la cui casa è quella nella foto in basso a sinistra.

 A sovrastare questi quartieri dove l'anima della Beat Generetion vive ancora si trovano le due colline gemelle: le Twin Peaks. Sono alte poco meno di 300 metri e sono i punti più alti della città dopo il Monte Davidson che si trova poco distante. Tante terrazze si affacciano per queste strade che sembrano una biscia in movimento e altrettanti i punti di vista. Le foto sopra sono state scattate dal Christmas Tree Point che dovrebbe essere uno degli spazi con la vista migliore (il condizionale ed obbligo dato che non abbiamo visto gli altri).

6) VEDERE la FAMOSISSIMA LOMBARD STREET.

 Eccola quella che viene definita come la strada più tortuosa al mondo: otto tornanti che si susseguono in soli 400 metri e che hanno reso questo tratto della Lombard Street un vero e proprio simbolo di San Francisco, anche se lo scopo di tutte queste curve è solo quello di ridurre la forte pendenza della via.
Anche Lombard Street appare in molti film: in Vertigo (che abbiamo già citato) Scottie, ossia il protagonista maschile interpretato da James Stewart abitava in questa via, mentre Herbie, il famoso maggiolino della Disney la percorre ad alta velocità nel primo episodio che lo rigurda, ossia Un Maggiolino tutto Matto del 1969.

6) FARE UN GIRO SU UN CABLE CAR

Potrebbe anche essere che le parole cable car non vi dicano niente, ma sicuramente nel corso della vostra vita avrete sicuramente visto delle immagini di film gente che saliva e scendeva al volo da questi trenini di città. Ecco, questi sono i cable cars (letteralmente macchine a cavo) e le tre linee rimaste a San Francisco delle ventitre iniziali sono le uniche al mondo ad azionamento manuale. Oggi hanno soprattutto la funzione di attrazione turistica e la sua unicità rende questi vecchi mezzi pubblici una di quelle "cose da provare almeno una volta nella vita".

3) ...SOPRATTUTTO il GOLDEN GATE, ma ANCHE IL BAY BRIDGE.

La foto in basso a sinistra è stata scattata dal ponte Bay Bridge.
 Il San Francisco - Okland Bay Bridge è un ponte meno noto del famosissimo collega rosso, ma altrettanto affascinante. Inaugurato circa 6 mesi prima del Golden Gate nel 1989 è stato fortemente danneggiato dal terremoto. Nel 2002 sono iniziati i lavori per ricostruire una parte del ponte che è stata inaugurata nel settembre dello scorso anno; ancora oggi, attraversandolo si riesce a vedere la vecchia careggiata. Attualmente è il ponte più largo del mondo e qui sono state girate alcune scene del film Il Laureato.

 Si trova praticamente di fronte al Bay Bridge il "ponte dalla porta dorata" ossia il Golden Gate Bridge e collega San Francisco a Sausalito, una piccola cittadina famosa soprattutto per la presenza di numerosi orefici e che si è valsa il soprannome di Portofino d'America. 2,71 km sospesi sull'Oceano Pacifico gli valsero, al momento della sua inaugurazione, il titolo di ponte sospeso più lungo del mondo. Il colore arancione che lo contraddistingue è stato scelto per farlo risaltare anche durante le tante giornate nebbiose che caratterizzano la città e il compito di mantere sempre perfetto il colore del ponte spetta a 38 pittori che ogni giorno lavorano per coprire i danni del tempo.
Se praticamente ogni angolo di San Francisco ha fatto la sua comparsa in qualche film famoso, le apparizione del Golden Gate sono innumerevoli: oltre ai già citati Vertigo, The Rock e Un Maggiolino tutto Matto, ne L'Uomo Bicentenario viene addirittura ripreso in un prossimo futuro e con ben due piani. Ma il ponte simbolo di questa città vanta anche un film documentario dedicanto alle numerosi morti avvenute qui: The Bridge - Il Ponte dei Suicidi. Infatti dopo 12 uomini morti durante la costruzione, circa 1300 persone (dati non ufficiali) si sono lanciate dal Golde Gate dal 1937 e di questi solo 26 si sono salvati restando comunque gravemente feriti. Questi dati sono dovuti 67 metri d'altezza che separano il ponte dalle gelide acque dell'Oceano.

2) PASSEGGIARE per il FISHERMAN'S WARF e il PIER 39.

Nella foto in basso a sinistra il Forbes Island, un ristorante costruito su un'soletta vicinissima al Pier 39. Non ci siamo stati, ma ha la fama di essere un ristorantino bellissimo, molto romantico, ma non per tutte le tasche.
Il Fisherman's Warf è uno dei quartieri più famosi della città e ospita il bellissimo Pier 39. E' una zona molto turistica e come tale è piena di esche per i visitatori della città, ma nonostante ciò ho trovato questo pezzo di San Francisco molto carino e più unico che raro. Si tratta della vecchia zona abitata dai pescatori (tanti dei quali anche italiani e non a caso il quartire di North Beach è vicino), che seppur sia cresciuta economicamente, ha voluto in qualche modo mantere viva la sua tradizione: qui trovate tantissime bancarelle di pesce fresco, specialità di pesce crudo e in quasi tutti i ristoranti vi verrà proposta la tipica zuppa di granchio nella scodella di pane e se come me siete vegetariani non disperate... non è certo a San Francisco che moriremo di fame!

Il Pier 39 è in parole povere un piccolo centro commerciale all'aperto. E' su due piani ha una pavimentazione è in legno che ricorda molto i pontili e i porti delle località marine e qui ci sono piccole botteghe di ogni genere: ristoranti, banchetti di pesce o dolciumi, negozi di gadget o di abbigliamento, l'Hard Rock di San Francisco e soprattutto la mia attrazione preferita: i leoni marini.
 
Le otarie della California hanno sempre abitato in queste zone, in particolare a Seal Rocks, una formazione rocciosa nell'Oceano Pacifico poco distante dal cuore di San Francisco. Nel 1989 (anno del terribile terremoto) i leoni marini iniziarono a stabilirsi al porto, dove dopo qualche polemica sono state accolte dalla popolazione che ha creato per loro degli appositi spazi ed ha iniziato a prendersene cura lasciandogli comunque vivere la loro vita da animali liberi. Inspiegabilmente alla fine del 2009 molte otarie hanno lasciato la baia in massa per farne ritorno solo alcuni mesi dopo. Ancora oggi  questa migrazione resta un mistero e l'unica cosa certa è che molti di esemplari che vivevano al Pier 39 sono stati avvistati alla Sea Lion Caves in Oregon che si trova a circa 900 km da San Francisco e che consiste in un sistema di grotte nell'Oceano Pacifico dove vivono molte specie di animali tra le quali le otarie della California.

1) VISITARE ALCATRAZ.

 E' un ex carcere quello che mi porterò per sempre nel cuore della mia visita a San Francisco. La visita dell'ex carcere federale sull'Isola di Alcatraz è stata la cosa che più mi ha emozionato di questa città e una delle esperienze più forti di tutto il viaggio negli Stati Uniti, se non di sempre...




1 commento:

  1. There's shocking news in the sports betting industry.

    It has been said that any bettor must watch this,

    Watch this or stop placing bets on sports...

    Sports Cash System - Advanced Sports Betting Software.

    RispondiElimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!