domenica 1 febbraio 2015

Un'oasi verde nel cuore di Parigi: il PARC des BUTTES-CHAUMONT

"Cosa fai ragazza che cammini nel parco e che vuoi vedere
se questo primo sole cancella l'inverno e il dolore..."

Parigi, 05 luglio 2013. Cantava così Biagio Antonacci nel 1998. Cosa fai ragazza è una canzone che racconta un'amore mai nato con una ragazza che passeggiava in un parco cittadine ascoltando musica. Nella mia mente quel parco aveva tanto verde, che risaltava in contrasto all'azzurro del cielo di una giornata di sole e quel laghetto dove le anatre si tuffano coi loro stonati schiamazzi. Tanta gente che legge, si rilassa, corre, tra quella natura che si fa strada tra i rumori e il grigio di una metropoli... Il parco che m'immagino io quando sento quelle note è molto simile al Parc des Buttes-Chaumont, uno dei più grandi della città di Parigi.
OLTRE QUEI CANCELLI CI SI DIMENTICA di ESSERE in una delle CITTA' più GRANDI del MONDO

Questo è il terzo parco più grande di Parigi ed è costruito su una cava di gesso che serviva per la costruzione dei palazzi della città. E' stato creato per volere di Napoleone III nel 1867.

Al centro del lago alimentato dal Canale Saint-Martin c'è una roccia alta 30 metri sulla cima della quale è posizionato il Tempietto della Sibilla; pare che da lassù il panorama sia meraviglioso.
Purtroppo c'erano dei lavori all'interno del parco quindi per salire i 173 gradini che portano sulla vetta, avremo dovuto fare di nuovo il giro del laghetto e tornare al punto dal quale eravamo partiti, ma purtroppo il tempo non ce lo consentiva. Un vero peccato fermarsi ad ammirare la rocca-isolotto da sotto.

 Sono due i ponti che collegano la "terra ferma" al Tempio della Sibilla alti circa 22 metri e chiamati "ponti dei suicidi"; la motivazione di tale appellativo mi sembra abbastanza ovvia... lungo la strada sembra si incontri una grotta e una cascatella... sarà per la prossima volta...spero!

Si dice che il parco sia un luogo di culto per l'esoterismo parigino; ho letto che il Tempio della Sibilla si troverebbe nel centro di un pentagono mistico e che i sotterranei della vecchia cava, oggi chiusi al pubblico, porterebbero a una sala nella quale si dovrebbero svolgere rituali magici, infatti sulle guide della città è sconsigliato visitare il parco dopo una certa ora in quanto si potrebbe correre il rischio di incontrare fanatici o membri di sette alla prese con i loro riti...

 Da quel che mi risulta le entrate sono sei e questo è l'Hotel de Ville (municipio) del XIX arrondissement di Parigi che si trova proprio di fronte a uno degli ingressi del parco.

Vi lascio con circa 30 secondi di filmato giranti nel parco.

 


2 commenti:

  1. Bellissimo! Possibile che con tutte le volte che sono stata a Parigi non vi abbia mai fatto un giro? Devo rimediare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chissà che bella la vista da lassù... anche io devo rimediare!!! ;)

      Elimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!