domenica 26 aprile 2015

Un pezzo di Toscana nel cuore di Parigi: PALAZZO & GIARDINI del LUSSEMBURGO

Il Palazzo del Lussemburgo visto dai giardini.
"Se non foste mi moglie avrei dato tutti i miei beni per avervi come amante"
(Enrico IV di Francia) 

 Secondo me questa frase è molto romantica, non trovate? Vabbé come sempre è questione di gusti; l'ho scelta per aprire questo post perché Enrico IV rivolse queste parole alla moglie Maria De' Medici, colei che fece costruire il Palazzo del Lussemburgo, l'edificio del quale vi parlerò oggi...

Nonostante questa non sia stata la mia prima visita a Parigi, non ero mai stata prima nei Giardini del Lussemburgo e nonostante quest'ultima volta fosse in programma gli avevo riservato un piccolo spazio nell'ultimo giorno prima di correrea prendere l'aereo; devo però dire che mi sono pentita amaramente di questa scelta perchè una volta lì avrei trascorso ore ed ore a perdermi tra quei viali di terra battuta, quelle aiuole, quelle siepi e quei fiori colorati...

Il Palazzo del Lussemburgo visto dai giardini.
E' il 1617 quando Maria de' Medici, figlia del Granduca di Toscana e vedova di Enrico IV di Francia ordina la costruzione di un palazzo che ricordi lo stile di Palazzo Pitti a Firenze, sui terreni che furono di proprietà del Duca del Lussemburgo (così si spiega il nome).

Il Palazzo del Lussemburgo visto da Rue Vaugirard.
Così dopo alcuni anni in cui venne utilizzato come "villa di campagna", il Palazzo del Lussemburgo durante la rivoluzione venne trasformato in carcere e successivamente, nel corso della II guerra mondiale, venne usato come quartier generale della Luftwaffe (aviazione militare tedesca), infine dal 1958 è sede del Senato.

La fontana dei Giardini del Lussemburgo.
Il giardino davanti al palazzo occupa 224.500 metri quadrati, si ispira al Giardino di Boboli di Firenze, è aperto al pubblico, ma soprattutto l'entrata è libera.

I Giardini del Lussemburgo.
Qui c'è chi viene a rilassarsi e a prenderci il sole,

La fontana dei Giardini del Lussemburgo.
chi si diverte a far navigare delle barchette in miniatura dentro all''enorme fontana circolare,

I Giardini del Lussemburgo.
chi si diverte a passeggiare per i grandi viali ornati da fiori, siepi e alberi,
Due statue nei Giardini del Lussemburgo.
magari alla ricerca delle tante sculture sparse per il parco....

La Femme aux Pommes nei Giardini del Lussemburgo.

Ecco per esempio la Femme aux Pommes che il russo Jean Terzieff ha scolpito per l'Esposizione Internazionale del 1937.

L'Attore Greco nei Giardini del Lussemburgo.
Questa invece è L'Attore Greco di Arthur Bourgeois che risale a metà '800.

I Giardini del Lussemburgo.
Le statue presenti nel parco sono 106 e tra queste c'è la riproduzione de La Statua della Libertà in bronzo che gli Stati Uniti hanno donato alla Francia nel 1889 come ringraziamento per quello che è diventato il monumento simbolo di New York; il progetto di quella il cui vero nome è La Libertà che Illumina il Mondo fu infatti costruita a Parigi da Frédéric Auguste Bartholdi (che per questo studiò il San Carlone di Arona) e Gustave Eiffel (il "papà" della Tour Eiffel).
Una seconda Statua della Libertà si trova invece sulla Senna, all'altezza del Pont de Grenelle tra il 15° e 16° arrondissement, mentre nel pressi del Pont de l'Alma si trova la Fiamma della Libertà, ossia un'ingrandimento della torcia della statua.

La Fontana De' Medici nei Giardini del Lussemburgo.
Questa è la Fontana De' Medici, voluta da Maria De' Medici.

I Giardini del Lussemburgo.
Chiudo con una piccola curiosità: questo giardini viene citato da Victor Hugo ne I Miserabili ed è il luogo d'incontro tra Cosette e Marius Pontmercy.


16 commenti:

  1. L'unica volta che sono stata a Parigi, ho amato alla follia questi giardini, ma da brava ignorantotta mi ero limitata a girare tra i fiori senza approfondire nulla... Grazie per la lezione di storia, interessante e curiosa!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono così incantevoli che la storia passa in secondo piano! A presto ;)

      Elimina
  2. Sono stata a Parigi da poco ma non ho avuto la fortuna di visitare questo bellissimo posto :D è davvero un posto delizioso. Ho una serie di location che, una volta tornata in Francia, vorrò visitare! Aggiungo questo palazzo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'avevo sempre lasciato un po' in disparte, però una visita la merita soprattutto in estate quando il giardino è fiorito! ;)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Parigi è romantica, trasgressiva, volgare, elegante, moderna e antica allo stesso tempo ;)

      Elimina
  4. Il mio rammarico è che a Parigi ci sono stato troppi anni fa e quasi l'ho cassata.

    RispondiElimina
  5. Ci son stata tanto tempo fa e mi ricordo che erano molto belli...

    e io adoro i Miserabili :)

    ps. se ti è piaciuto questo parco ti consiglio il parco Retiro a MAdrid!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Madrid... spero di riuscirci ad andare presto... non ci sono mai stata! Grazie del consiglio me lo sengno ;)

      Elimina
  6. Sono stata qui in inverno e vedere le tue foto mi fa venire voglia di tornare!!
    Cosi verde e fiorito é bellissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorito è bellissimo, anche se Parigi in inverno dev'essere magica... prima o poi ci andrò, magari sotto Natale... ;)

      Elimina
  7. Ma pensa te, non sapevo la storia della Statua della Libertà e non sapevo che ce ne fossero delle copie a Parigi o.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già... poi se pensi che per realizzarla si sono ispirati al "nostro" San Carlone di Arona... ;)

      Elimina
  8. Ogni volta che passo di qui mi vien voglia di Parigi! E' colpa tua, sappilo!
    Sapevo che la Statua della Libertà era stata fatta da Bartholdi, non che avesse studiato il San Carlone per ideaarla :D
    COmunque sì, i giardini di Lussemburgo sono fantastici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D ... ho una vera e propria ossessione per Parigi... la adoro... starei a parlarne per ore ed ore e ore ;)

      Elimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!