martedì 11 agosto 2015

600 metri sotto terra: le GROTTE DI BOSSEA

L'ingresso delle Grotte di Bossea.
A mali estremi, estremi rimedi si è soliti dire... e quale rimedio usate voi per combattere il caldo di questa estate? (che devo ammetterlo, io non riesco proprio a odiare).
Beh c'è chi ama farsi un tuffo al mare o in piscina se il primo si trova a km e km di distanza, c'è ama gustarsi (velocemente se no si scioglie) un bel gelatone alla frutta all'ombra di qualche albero, c'è chi si chiude in casa con finestre e persiane serratissime e attacca a manetta il condizionatore e poi c'è chi non rinuncia a visitare il mondo, lontano o vicino che sia, e quale posto migliore di una grotta dove la temperatura è di 9° costanti per 365 giorni l'anno?

Il torrente Corsaglia e sullo sfondo le case della frazione di Bossea.
Frabosa Soprana è una località sciistica della provincia di Cuneo in Piemonte, forse messa un po' in ombra dalle vicine e più note Limone Piemonte, Prato Nevoso e Artesina.

Il Torrente Corsaglia nella frazione di Bossea a Frabosa Soprana.
Una sua frazione, Bossea è accompagnata da un fresco torrente; qui un tipico paesaggio di montagna accoglie il visitatore, insieme a poche case che non sembrano abitate, almeno non per buona parte dell'anno.

Il Torrente Corsaglia nella frazione di Bossea a Frabosa Soprana.
Le macchine parcheggiate lungo la strada coi cofani aperti trasmettono la tranquillità di chi non ha paura di essere derubato e mettono in mostra vecchi plaid a quadretti; nell'aria così fresca e pulita da far quasi bruciare le narici corrono gli schiamazzi dei bambini che giocano a fare i pescatori, le note qualche radio accesa timidamente e l'odore della brace.
Il Torrente Corsaglia nella frazione di Bossea a Frabosa Soprana.
Qui, in questa frazione di un paesello che non arriva a contare 900 anime si trovano delle grotte che furono tra le prime ad essere aperte al pubblico.

Dentro alle Grotte di Bossea.
La cosa più difficile una volta arrivati a destinazione è stato capire dove fossero queste grotte e non perché la frazione di Bossea sia ricca di edifici e siti turistici dove perdersi, ma perché ci sembrava strano che un unico edificio costruito a ridosso della montagna potesse contenere così tante cose: un bar, un ristorante, una biglietteria con annesso ingresso alle grotte, un negozio di souvenir, e un'esposizione fotografica...

Dentro alle Grotte di Bossea.
Il biglietto per le Grotte di Bossea costa 11 euro a testa e comprende una visita che dura circa un'ora e mezza che si snoda attraverso un percorso lungo più o meno 3 km con un dislivello di circa 116 metri e una temperatura costante di 9° estate e inverno e un'umidità del 100%.

Le stalattiti dentro alle Grotte di Bossea.
 Prima di comprare il biglietto chiedo se la visita è tanto faticosa dato che sono al quinto mese di gravidanza e la ragazza che sta dall'altro lato del bancone, la stessa che poco prima ci aveva venduto una bottiglietta d'acqua al bar e che poi ci farà da guida dentro alle grotte mi dice che se me la sento posso fare tutto quello voglio...
Compriamo i biglietti.

Il torrente che scorre dentro alle Grotte di Bossea.
 Questi luoghi sotterranei furono esplorati per la prima volta nella prima metà del 1800 e nel 1874 vennero aperte al pubblico; furono tra le prime a poter essere visitate da tutti.

Parete nelle Grotte di Bossea.
Queste grotte sono le 5° più ampie in Italia.
Parete nelle Grotte di Bossea.
Le grotte però non ospitano solo visite, infatti il 26 dicembre è solito tenersi un concerto di musica classica nella Sala dell'Orso.

Opera d'arte nella Sala dell'Orso dentro alle Grotte di Bossea.
Inoltre sparse in qua e in là si possono trovare opere d'arte di artisti della zona.

Il torrente che scorre dentro alle Grotte di Bossea.
Il percorso all'andata è in salita, mentre ovviamente al ritorno è in discesa; la ragazza che ci ha fatto da guida ogni tanto mi cercava con lo sguardo e mi faceva il pollice alzato per chiedermi se tutto era ok...

Parte del percorso nelle Grotte di Bossea.
 La visita direi che è fattibile da tutti e seppur 3 km di scalini fatti di roccia richiedano un minimo di preparazione, le tante soste, le panchine sparse in qua e in là e la temperatura aiutano parecchio.

Parete nelle Grotte di Bossea.
Dentro la grotta si è accompagnati da un silenzioso torrente che scorre sotto di noi e che quasi mette male scorgere, inoltre si è circondati dalle classiche formazioni calcaree meglio nome come stalattiti (dall'alto verso il basso) e dalle stalagmiti (dal basso verso l'alto).

Scheletro di un orso speleo nella Sala dell'Orso dentro alle Grotte di Bossea.
La Sala dell'Orso, quella che ospita il concerto di Natale, ha al centro una teca che contiene la ricostruzione di uno scheletro di un orso speleo.

Parte del percorso nelle Grotte di Bossea.
 L'orso speleo è estinto da circa 10.000 anni.

Dentro alle Grotte di Bossea.
Grande come un grizzly abitava in queste zone e si nascondeva nelle grotte per il letargo e per partorire.

Parete nelle Grotte di Bossea.
Le ossa che formano lo scheletro che si trova nella Sala dell'Orso provengono da più esemplari che sono stati rinvenuti tutti dentro alle grotte.


Dentro alle Grotte di Bossea.
Oggi le grotte sono abitate solo da minuscoli insetti, molti dei quali vivono solo qui.

Torrente che scorre dentro alle Grotte di Bossea.
Inoltre è una delle grotte con più fauna nel mondo.
Formazione calcarea delle Grotte di Bossea chiamata il Buddha.
Molte rocce hanno delle strane forme, tra le più famose c'è quella alta 25 metri Buddha... chissà come mai...


Una laguna sabbiosa nelle Grotte di Bossea.
Quasi alla fine del percorso, sopra una passerella si attraversa un ponticello sotto il quale si trova una bellissima laguna sabbiosa.

Il Lago Ernestina nelle Grotte di Bossea.
E una volta superata la laguna si arriva a quello che per me è stato l'apice della visita: la cascata che si tuffa nel Lago Ernestina. Da qui si torna indietro seguendo un percorso parallelo.

Torrente che scorre dentro alle Grotte di Bossea.
L'uscita dalle Grotte di Bossea ha avuto, anche per me che amo le alte temperature, un impatto devastante, simile a un pugno preso in pieno viso alla sprovvista...

Sciame di farfalle a Frabosa Soprana.

"...Il significato del lepidottero è il cambiamento. Il baco in crisalide o pupa e da lì la sola bellezza..."
(Il Silenzio degli Innocenti, 1991)

Arrivati di nuovo dalla macchina ho trovato uno sciame di farfalle...credo di non averne mai viste tante così insieme e io che ho la mente un po' bambina e un po' sognatrice ho preso l'evento come un segnale di buon auspicio... mio marito, che forse è più realista, mi ha fatto notare che erano posate su un mucchietto di letame... beh anche il letame è considerato come porta fortuna, quindi...

6 commenti:

  1. Non sono mai stata in una grotta, deve essere una bella esperienza, forse un pò strana. Non so che effetto mi farebbe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me merita visitare un grotta... sono luoghi affascinanti! Prova e fammi sapere ;)

      Elimina
  2. Mi spiace, ma le grotte di Pertosa ( Campania) sono più belle :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non le conoscevo, ma buono a sapersi... Grazie della segnalazione ;)

      Elimina
  3. Somigliano molto alle Grotte del Vento in Garfagnana! Bellissimi scatti, un abbraccio!

    RispondiElimina

Rispondo a tutti i commenti perchè sono molto importanti... in fondo se scrivo è perchè voglio essere letta.
Grazie per essere passati di qua!